Maria Licini

Una valletta, saliamo lungo le sponde di un altro torrente, che il fiume Brembo, che nasce lungo i pendii del Pizzo del Diavolo, saliamo tra detriti, macereti e pascoli, il Diavolo sembra vicino ma c ancora molto da camminare. Tra i ghiaioni fa capolino la Viola Comollio, sulle rocce la Potentilla nitida, e piccoli ciuffetti di Raperonzolo, e altri fiori, camminiamo in silenzio, io incomincio ad avere il fiatone e anche le gambe fanno un p male. Arriviamo alla bocchetta di Podavista, siamo a 2624 mt. ci sono altri escursionisti che stanno salendo e questo comporta maggior prudenza, possono far cadere i sassi. Il tempo sembra che dalla Val Seriana stia cambiando, sale la nebbia, ci guardiamo in giro alla ricerca di camosci e stambecchi, ma non c'e ombra.

Il Diavolo di Tenda chiamato anche la montagna del Baroni (Antonio Baroni, guida alpina, fu uno dei pionieri di questa montagna, aprendo parecchie vie, una dedicata a lui - la Sud), oppure anche il Cervino della Bergamasca. Uno sguardo alla cresta Nord-Ovest che la via normale, una cresta considerata facile, ma a tratti aerea e affilata. I due ragazzi salgono come dei camosci e anch'io mi inerpico tra le rocce, anche se considerato facile, ci sono delle difficolt alpinistiche, una piccola finestra ci permette di ammirare la selvaggia Valle d'Ambria con un piccolo ghiacciaio proprio sotto di noi. Con molta attenzione proseguiamo lungo il crestone, quando arriviamo alla parte terminale si presenta ancora una cresta, la superiamo e raggiungiamo la vetta. Ci copriamo, perch l'aria fredda e noi siamo sudati, in vetta non c' ancora nessuno, scattiamo le foto. Sulla vetta vi posto un trespolo in ferro sormontate da una piccola croce. Dalla cima del Pizzo del Diavolo si vede la conca del Calvi, e le montagne circostanti, il Madonnino, il Cabianca, il Becco, Il Corno Stella, l'Aga su cui si notano delle persone in vetta.


Pizzo del Diavolo


La zona delle Alpi coperta da nuvole, che le nascondono, come pure il Diavolino. Col cielo sereno spaziando a 360 la vista sarebbe fantastica. Proprio quando sei in Vetta, e vedi: catene 131 di montagne, laghi, ampi anfiteatri, e i paesini che sembrano presepi, vieni ripagata dalla fatica che hai fatto a salirvi, e la stanchezza sembra svanire. Sostiamo a mangiare, ma non ci fermiamo molto, l'aria sempre pi fresca, diamo un ultimo sguardo al panorama e poi scendiamo. La discesa quasi pi impegnativa della salita cos la prudenza maggiore. Io scendo con Lorenzo, Valerio segue Matteo, i due ragazzi sono molto bravi, per non li perdiamo d'occhio, arrivati alla bocchetta di Podavista: abbandoniamo il sentiero per il Rifugio Calvi, e ci dirigiamo verso il Rifugio Longo, e siamo sempre alla ricerca di Ungulati, ma niente. Tra pascoli erbosi e ghiaioni arriviamo verso il passo Sellino, alzo lo sguardo verso il Monte Aga, alcuni escursionisti stanno scendendo dalla montagna, poco lontano da loro scorgo qualcosa: chiamo i due ragazzi e indico..... sono una quindicina di stambecchi in prevalenza mamme con i piccoli, uno si nota appena deve avere pochi giorni, scendono verso il passo, tre stambecchi precedono a distanza il gruppetto con i piccoli.

Rimaniamo un po' ad osservarli mentre scendono tra le rocce, i piccoli saltano vicino alle mamme, uno spettacolo vederli, ma si deve andare dice Valerio, noi dobbiamo andare a casa, loro sono l anche domani. Arriviamo al passo Sellino, tre Stambecchi che precedevano il gruppo sono l fermi, sembrano proprio in nostra attesa, o forse lo sono davvero, per sviarci dal percorso e proteggere i loro piccoli. Il gruppo su in alto, i piccoli giocano, ma le mamme osservano i nostri movimenti. Scatto alcune foto ai tre, Matteo e Lorenzo non vorrebbero venir via, uno spettacolo osservarli. Scendiamo, il sentiero ha una buona pendenza, sotto vi il lago del Diavolo (anche se mezzo vuoto non vorrei finirci dentro). Dopo un tratto un p scivoloso, nel magro pascolo, scendiamo tra boccette, superiamo lo sbarramento della diga del lago del Diavolo, appena sotto due piccoli laghetti graziosi, e arriviamo al Rifugio Longo.

Consumiamo qualche cosa, avvisiamo a casa che stiamo ritornando e che tutto andato bene. Passiamo per il Rifugio Baitone, arriviamo alla macchina e poi a casa. Una bellissima escursione, anche se per me, fatta in un giorno un po' lunga.


Tratto dall'Annuario 2005 del C.A.I. alta Valle Brembana




Anno 1999 l'ultimo Lupo della Presolana si tratta forse di uno stupendo pastore tedesco.
Scrivere in alta Val Brembana da l'Alta Valle Brembana 1902 numero straordinario de Lavoro Bergamasco.
Pizzo dei Tre Signori un amico in cima al Pizzo.
I nostri Passi alpini la morfologia delle Alpi Orobie.
Mulino di Baresi FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano.
Giordano Rota e le sue foto della Valle Brembana dei primi del '900 cartoline antiche.
Valtaleggio ecomuseo Parco delle Orobie con importante area SIC.
Un dottore camminatore la Valle Gandino, detta anche in altri tempi.
Damocle cascata di ghiaccio di Valleve si trova nel Bergamasco, in alta Valle Brembana.
B.I.M. Bergamo Consorzio del Bacino Imbrifero Montano.
Alpinismo e natura dal Palamonti ai giganti delle Orobie.
Valtaleggio sussurava il vento tuonavano i cannoni.
Lo Stambecco quella dello stambecco una storia emblematica.
Episodi fuori stagione al Rifugio Benigni dicembre e queste giornate di festa ci riserva.
Sul sentiero dei Fiori siamo alle baite di Mezzeno per partire.
Quando sul Fiume Brembo fluitavano borre e borrelli testimoniano la fluitazione sul Brembo.
Festa della Montagna a Pusdosso su questa "corte" si affaccia una piccola e graziosa chiesetta.
Sussia abbandono o rinascita. Sussia e' un' antica frazione sopra San Pellegrino Terme.




C.A.I. alta Valle Brembana




Archivio fotografico della Valle Brembana: Paesaggi Montagna - Laghetti alpini - Sport Val Brembana - Flora Alpi Orobie - Fauna Alpi Orobie - Arti e Mestieri - Averara - Bracca - Branzi - Brembilla - Camerata Cornello - Carona - Cassiglio - Cornalba - Costa Serina - Cusio - Dossena - Foppolo - Isola di Fondra - Lenna - Mezzoldo - Moio dè Calvi - Oltre il Colle - Olmo al Brembo - Ornica - Piazza Brembana - Piazzatorre - Piazzolo - Roncobello - S. Giovanni Bianco - S. Pellegrino Terme - Santa Brigida - Sedrina - Serina - Taleggio - Ubiale e Clanezzo - Valleve - Valnegra - Valtorta - Vedeseta - Zogno - Villa d'Almè