Un tuffo nel passato in Valle Brembana (seconda parte)


Già nel corso delle prime escursioni si cominciò a parlare di tracciare una rete di sentieri. Risale, infatti, alla fine degli anni '70 la progettazione del sentiero delle Orobie occidentali 101 ed i collegamenti con i paesi di fondovalle. In seguito negli anni '80 i Sentieri delle Orobie furono divisi dal CAI di Bergamo in cinque zone. Le nostre sono la ! e la ", cifre che tuttora contraddistinguono la numerazione dei nostri sentieri. Il lavoro di manutenzione si svolgeva, per volontariato, nei fine settimana con petrolio e pennello.

I primi anni della Sottosezione furono caratterizzati anche e soprattutto dall'impegno per la costruzione del nostro rifugio. S'iniziò a discutere il progetto di costruire un bivacco, o un rifugio, senza inizialmente individuarne la localizzazione. L'idea si concretò nel 1982 con la costruzione del Rifugio Benigni in località Piazzotti. Sempre alla fine degli anni '70 si organizzarono i primi corsi di introduzione all'alpinismo diretti da una Guida Alpina. Certamente il modo di affrontare la montagna non sfiorava nemmeno lontanamente i livelli di oggi e la qualità delle attrezzature non era tecnologicamente avanzata, basti affermare che si usava il tipico martello da muratore e che le corde erano i classici canaponi pesanti e intrasportabili se bagnati. Anche gli scarponi erano pesantissimi e solitamente si portavano fino a quando erano completamente consumati e non più riparabili. I pantaloni di velluto alla zuava erano un lusso che non tutti si potevano permettere.

L'alimentazione era quella di tutti i giorni, non esistevano calcoli di proteine o carboidrati come invece spesso accade oggi tra gli alpinisti e gli alimenti più consumati erano stracchino e formaggio tipicamente locali. In compenso la montagna si identificava con la semplicità e l'autenticità dei sentimenti, l'amicizia e l'allegria. Valori questi che non stati un po' offuscati dall'odierno desiderio di primeggiare e di compiere grandi imprese. Ma se voi aveste avuto la possibilità di ascoltare come noi il racconto di questi nostri amici, forse sareste stati convinti che essere grandi non sempre corrisponde ad arrivare più in alto e che forse prima essere grandi alpinisti è preferibile essere grandi uomini. Al CAI allora si aderiva per la comune passione della montagna, per l'annuario, per le riviste sociali del CAI centrale e forse anche perché la nostra valle non offriva grandi alternative ma soprattutto per stare insieme. Alla fine dei primi anni gli iscritti arrivavano a circa 100/120. Sono trascorsi un po' di anni ma i nostri ex presidenti continuano a ritenere la loro esperienza nel CAI meravigliosa, nonostante le difficoltà che comporta creare e proiettare stabilmente nel tempo una Sottosezione.

Avrebbero desiderato essere più visibili sul territorio, evidenziare di più il lavoro del CAI, godere di maggior conto nella gestione della politica ambientale, avrebbero voluto riuscire a valorizzare maggiormente alcune aree di grande interesse naturalistico come la Val Parina, la Valle del Drago e la Valle d'Ancogno. Il loro augurio e la loro speranza ed anche il loro consiglio per avere successo e popolarità, è che il CAI alta Valle nel futuro porgesse più attenzione alla realtà in cui vive, valorizzandone le tradizioni e la molto ricca cultura. Al termine di questo incontro, pur non avendoli vissuti, anche noi auditori sentiamo un pizzico di nostalgia e di rimpianto per quei tempi e soprattutto per il tesoro ed il calore che racchiudevano in sé. Vogliamo quindi ringraziare i nostri ex-presidenti per esserci riusciti, in poche ore, con semplici parole, a farcene dono e per aver acceso in noi il vivo desiderio di recuperare quella parte di passato tanto preziosa.





Susanna Arizzi, Giuseppe Pisoni.

Tratto dall'Annuario del C.A.I. alta Val Brembana - Autore: GIANNI MOLINARI
Foto tratte dal Libro: Una Strada una Valle una Storia


Sussia abbandono o rinascita. Sussia e' un' antica frazione sopra San Pellegrino Terme raggiungibile percorrendo un'ora di mulattiera.
La storia della Valle Brembana il primo fu Antonio Baroni, la celebre guida di Sussia.
Via Mercatorum il Turismo Ŕ ambiente, cultura, scoperta e curiositÓ: le montagne della Valle Brembana.
Insediamenti in Valle Brembana vorrei esporre le mie idee riguardo alla popolositÓ dell'alta Valle Brembana.
La nostra Valle Brembana la radio ce l'hanno in pochi, quasi nessuno. Ma la notizia corre subitanea su e giu' per le valli.
Monte Cavallo Ŕ proprio di una piccola finestrella situata sulla facciata Nord.
Vita nel Rifugio Benigni ...Ŕ una giornata tiepida, il sole splende e la vista sulle montagne della Valtellina.
Vagabondando Brembano cammino, nessuno sulla montagna, nessuno per la Valle Brembana.
Le mani sulla roccia se non ero in Grigna, ero in Val Brembana dove i miei avevano una casetta per le vacanze.
Il Cervo patrimonio faunistico della nostra Valle Brembana.
Riannodando quale vecchio filo fu mentre salivamo per la valle di Armentarga al passo di Valsecca verso il rifugio Brunone.
Escursione al Monte Aga ci alziamo di buon ora, la nostra meta quest'oggi Ŕ il Monte Aga in alta Val Brembana.
Contadini e valligiani gli enormi pred¨ che fanno da tetto agli antichi ricoveri della Valle d'Inferno.
Sassi in Valle Brembana la prima volta che mi trovai con le mani sulla roccia fu quando mio padre mi port˛ sulla "Baroni" al Diavolo.
Pagliari, la memoria nella pietra un Borgo Antico, fra i meglio conservati nella sua architettura rustica.
Antiche vie di Comunicazione parlare ancora oggi della "Via Priula", dopo le numerose ricerche storiche.



HomePage
Programma
Gite
Scuola Orobica


Home Page Valle Brembana


Archivio fotografico della Valle Brembana: Paesaggi Montagna - Laghetti alpini - Sport Val Brembana - Flora Alpi Orobie - Fauna Alpi Orobie - Arti e Mestieri - Averara - Bracca - Branzi - Brembilla - Camerata Cornello - Carona - Cassiglio - Cornalba - Costa Serina - Cusio - Dossena - Foppolo - Isola di Fondra - Lenna - Mezzoldo - Moio dè Calvi - Oltre il Colle - Olmo al Brembo - Ornica - Piazza Brembana - Piazzatorre - Piazzolo - Roncobello - S. Giovanni Bianco - S. Pellegrino Terme - Santa Brigida - Sedrina - Serina - Taleggio - Ubiale e Clanezzo - Valleve - Valnegra - Valtorta - Vedeseta - Zogno - Villa d'Almè